Agrigento, riaperta dopo 3 anni la Strada provinciale 22 per Casteltermini

Agrigento, riaperta dopo 3 anni la Strada provinciale 22 per Casteltermini

Nella mattinata del 1 Giugno è tornata percorribile la Strada Provinciale n. 22 Stazione Campofranco (SS189) – Cozzo Disi – Casteltermini, che dal febbraio del 2017 era stata ufficialmente chiusa al traffico dal km 1+050 al km 2+430 a seguito del distacco di un grosso masso di circa 30 metri cubi e di materiale roccioso venuti giù da un costone roccioso sovrastante la strada.

In quella circostanza, oltre al danno diretto riportato dalla carreggiata, il sopralluogo eseguito dai tecnici e dai cantonieri del Libero Consorzio, aveva evidenziato la concreta possibilità di ulteriori distacchi dal costone, con gravissimi rischi per la sicurezza di quanti percorrono quotidianamente questa strada di collegamento tra il comprensorio di Casteltermini e la Strada Statale 189 Agrigento-Palermo.

Da qui, la decisione di chiudere la strada per evitare rischi alle centinaia di autoveicoli che ogni giorno percorrevano l’importante arteria di collegamento con Casteltermini e con tutte le aziende e le attività imprenditoriali presenti nella zona.

Stamattina, nel corso di una cerimonia ufficiale, la Provinciale 22 è stata restituita alla collettività dopo i lavori realizzati grazie ad un finanziamento regionale di circa 800 mila euro. Presenti, fra gli altri, il Commissario straordinario del Comune di Casteltermini Giuseppe Garofalo, il direttore dei lavori ing. Michelangelo Di Carlo, il geologo Roberto Bonfiglio, il Rup Gerlando Spirio, il geom. Giuseppe Mattaliano, il vice comandante della Polizia provinciale Salvatore Lombardo e il dirigente del settore Infrastrutture del Libero Consorzio Ignazio Gennaro.

Gli interventi hanno previsto, la sistemazione del complesso roccioso tramite opportuni scavi, con risagomatura di nuovi profili, la realizzazione di terrazzamenti collegati da scarpate con opportuna inclinazione, la predisposizione di una trincea paramassi e il ripristino della barriera di protezione esistente.

Ti potrebbe interessare anche  Palermo, fatture false e favoreggiamento dell'immigrazione: 7 arresti

Condividi su...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.