Spinello

Riceviamo e pubblichiamo una nosta stampa inviataci dal presidente del Consiglio comunale di Canicattì, Alberto Tedesco, inerente una mozione avente ad oggetto il contrasto all’uso di sostanze stupefacenti.
Di seguito il testo integrale:

Il sottoscritto, presenta la seguente mozione:

Premesso:

– che negli ultimi anni il fenomeno dell’uso di sostanze stupefacenti da parte degli adolescenti, e non solo, come evidenziato anche dalle notizie di cronaca, ha assunto proporzioni preoccupanti;

– che, come evidenziato dalle operazioni condotte dalle Forze dell’Ordine, tale fenomeno presenta caratteristiche inedite e complesse, determinate da un’offerta sempre più diversificata di sostanze stupefacenti che il “mercato” mette a disposizione dei potenziali consumatori;

-che, sul piano individuale, il consumo di stupefacenti determina importanti disturbi nell’armonico sviluppo delle funzioni cognitive e dei sistemi neuro biologici deputati al controllo dei comportamenti e a fondamentali sistemi di funzionamento psichico come quello della gratificazione, della memorizzazione, della capacità decisionale e del giudizio;

– che tale problematica ha un impatto poderoso sul piano sociale, poiché mette a rischio il nostro territorio, le nostre famiglie, e può determinare il progressivo disintegrarsi del nostro tessuto sociale;

– che tale enorme questione risulta incredibilmente assente nel dibattito politico-istituzionale a tutti i livelli, in sede nazionale, regionale, locale;

– che recentemente sul Giornale di Sicilia, edizione di Agrigento, è stato pubblicato un articolo in cui si riporta il grido di dolore di un gruppo di cittadini canicattinesi che portano all’evidenza pubblica la questione dello spaccio e dell’uso di sostanze stupefacenti, tra giovani e meno giovani, in diverse zone della nostra Città;

– che tale circostanza determina un grandissimo allarme sociale;

– che un tema così delicato deve necessariamente interessare e coinvolgere i rappresentanti delle Istituzioni comunali;

– che da ciò deriva la necessità e l’urgenza di stimolare e condurre in via continuativa, già a partire dalle scuole elementari, fino alle scuole secondarie superiori, di campagne divulgative sui danni provocati dall’uso delle suddette sostanze in tutti i segmenti sociali;

RITENUTO CHE:

– la politica deve intervenire e dare una risposta decisa e ferma per fare chiarezza sul pericolo che corre chi utilizza sostanze stupefacenti e sull’enorme impatto che tale dinamica produce nel nostro tessuto sociale;

Tutto ciò premesso

Visto il decreto legislativo m. 267 del 2000

Visto lo statuto comunale

Visto il regolamento del consiglio comunale

Per le considerazioni fin qui rappresentate, il sottoscritto, previo inserimento nell’O.D.G. del prossimo Consiglio, chiede al Consiglio Comunale di approvare la seguente

Mozione

Il Consiglio Comunale di Canicattì, con la presente a valere quale atto di indirizzo, impegna l’amministrazione comunale,

– ad attuare ed implementare le tutte le iniziative istituzionali di carattere divulgativo, educativo e di contenimento finalizzate a contrastare l’uso di sostanze stupefacenti nella nostra Città;

– a intraprendere con il mondo della scuola di ogni ordine e grado, con le associazioni presenti nel territorio, con tutti gli attori sociali, una forte azione culturale di contrasto all’uso delle sostanze stupefacenti volta a rendere giovani e meno giovani più consapevoli delle conseguenze che tale problematica determina sulle famiglie, sull’individuo, sull’intera comunità;

– a promuovere tutte le azioni necessarie al fine di sollecitare il Ministero dell’Interno, nonché le altre Istituzioni competenti, a determinare un maggiore investimento di risorse, umane ed economiche, da destinare alle Forze dell’Ordine che operano nel nostro territorio.

Il Presidente del Consiglio Comunale

Avv. Alberto Tedesco

Davide Difazio, giornalista iscritto all’albo nazionale dei giornalisti, elenco pubblicisti Sicilia, dal 09/05/2003 N° di tessera 098283, protagonista di diverse trasmissioni televisive in Rai e Mediaset ha collaborato con diverse testate giornalistiche nazionali ottenendo risultati lusinghieri. Fondatore della testata giornalistica Siciliareporter.com, in pochi anni , è riuscito a far diventare il portale un importante punto di riferimento per l'informazione siciliana.