Stupore misto a rabbia per una famiglia di Canicattì che, dopo aver aperto la porta della cappella di famiglia nel locale cimitero, ha trovato all’interno una bara appena saldata.

Non avendo avuto  lutti di recente, hanno subito chiamato la polizia per denunciare l’accaduto. A chiarire tutta la vicenda ci hanno pensato i titolari di una locale agenzia funebre i quali, contattati dagli agenti del commissariato dopo la ricostruzione dell’accaduto, hanno spiegato ai poliziotti cos’era accaduto.

In pratica la bara era stata sistemata in quella cappella temporaneamente, in attesa di preparare il loculo che si trovava nella stessa sezione cimiteriale.

Un equivoco dunque che si è risolto con le scuse ai proprietari della cappella gentilizia.