L’episodio risale al 2014. La donna si era recata all’ospedale Barone Lombardo per dei malesseri, dopo essere stata medicata fu dimessa. Dopo qualche giorno le sue condizioni di salute si aggravarono portandola al decesso. Da qui i familiari hanno citato l’Asp di Agrigento chiedendo  un risarcimento pari a 1 milione e 750 mila euro. Intanto la Procura della Repubblica di Agrigento ha iscritto nel registro degli indagati i medici che  si occuparono della donna.

Di Salvatore Gioacchino Cacciato