Un’altra rinuncia arriva a poche ore dalla scadenza di liste e candidature alle prossime elezioni amministrative di Canicattì. Questa mattina, Salvatore Castellano, con una lettera ha comunicato il suo ritiro dalla competizione elettorale che si terrà il 10 ed 11 ottobre in città. Castellano si era candidato a sindaco. Duro l’affondo del presidente del comitato civico pro ospedale :”Ritiro la mia candidatura- dichiara Castellano- per una serie di brutture che ho incontrato durante questa mia breve campagna elettorale con una classe politica che vuole gestire la cosa pubblica per scopi personali che non hanno nulla a che vedere con i bisogni della collettività. A tutti i cittadini- conclude – chiedo scusa per questa mia sofferta decisione perchè da persona onesta, seria e pulita, impegnata nel sociale e nella cultura non intendo affrontare una avventura fatta di compromessi e di loschi interessi”. Qualche settimana addietro a ritirare la propria candidatura a sindaco per i 5 stelle era stata Giuseppina Mendola dichiarando sopravvenuti impegni professionali e di lavoro. A correre per la carica di sindaco adesso rimangono soltanto in 3. L’uscente Ettore Di Ventura, l’ex Vincenzo Corbo ed il giornalista Cesare Sciabarrà. Mercoledì 15 settembre alle 12 scadrà il termine per la presentazione delle liste e dei candidati. A meno di sorprese a giocarsi la partita saranno soltanto questi tre candidati.