Impennata di micro criminalità a Canicattì dove nelle scorse ore si sarebbero verificati diversi furti e danneggiamenti ai danni di autovetture.

Ignoti, la notte scorsa, hanno rubato da un cantiere in via Della Costituzione: 3 scalette metalliche da ponteggio, 10 pedane da ponteggio e 18 infissi in alluminio completi di vetri.

Al titolare dell’impresa, quantificato il danno, non è rimasto altro da fare che denunciare l’episodio alle forze dell’ordine che hanno avviato le indagini.

Altri furti si sono verificati in viale Della Vittoria, ai danni di una rosticceria, dove ignoti hanno rubato il motore dell’aspiratore che era posizionato all’esterno. Un tentato furto si è verificato anche in via Piave, dove i ladri avrebbero sfondato la vetrina di un negozio di abbigliamento nel tentativo di portare via la merce custodita all’interno.

Anche le residenze estive sono state oggetto di visita dei ladri, in contrada Calici, ignoti si sono introdotti in una villetta ed hanno rubato un tv color di 19 pollici, completo di decoder, e due finestre con persiane.

Altri episodi criminali riguardano le autovetture in sosta, il titolare di un’utilitaria ha denunciato il furto di un borsello lasciato nell’abitacolo mentre da un’Alfa Romeo 159 i ladri hanno asportato un paio di occhiali da donna di una 50enne e la carta di circolazione del mezzo.

Una vera e propria escalation criminale che preoccupa non poco i cittadini di Canicattì che chiedono agli amministratori di attivarsi per mettere in atto un piano efficiente per un maggior controllo del territorio.

Qualche mese fa, la precedente amministrazione comunale, guidata dal sindaco Ettore Di Ventura, aveva sottoscritto in Prefettura, alla presenza del  Prefetto, il cosiddetto Patto per la Sicurezza Urbana finalizzato all’installazione e al potenziamento dei sistemi di videosorveglianza in diverse aree del territorio comunale ma ad oggi sembra che ancora nulla sia in funzione.