Canicattì, geometra muore in cantiere: 3 gli assolti in appello

Canicattì, geometra muore in cantiere: 3 gli assolti in appello

Un vero e proprio ribaltamento della sentenza di primo grado è stato dato dalla corte di Appello di Palermo sul caso del geometra di 52 anni morto all’interno di un cantiere.

I fatti risalirebbero al lontano 2011 quando l’uomo, originario di Canicattì, era precipitato da un’altezza di circa sei metri mentre faceva delle misurazioni in un cantiere dove, stando all’accusa, non ci sarebbero state le dotazioni di sicurezza.

Una volta avviato il dibattimento, questo era terminato nel 2017 con la condanna ad un anno di reclusione e con il beneficio della sospensione condizionale della pena sia per il titolare della ditta vincitrice dell’appalto che per l’assistente di cantiere e responsabile della sicurezza del cantiere.

Emessa la sentenza di primo grado da parte del tribunale di Agrigento i legali difensori degli imputati avevano impugnato il verdetto sostenendo che la tragedia si verificò per un’imprudenza della vittima non riconducibile ai propri assistiti.

Una versione dei fatti a cui la corte di Appello di Palermo avrebbe dato retta ribaltando di conseguenza quanto stabilito dal tribunale agrigentino.

Di Pietro Geremia

Ti potrebbe interessare anche  Canicattì, vendevano posti di lavoro alla regione: 3 persone rinviate a giudizio

Condividi su...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.