Canicattì, lavori stradali con controlli carenti: intervento del Consigliere Umberto Palermo

1.066 visualizzazioni

Canicattì, lavori stradali con controlli carenti: intervento del Consigliere Umberto Palermo

Da diverse settimane  sono in corso dei lavori nel viale della vittoria, in direzione Agrigento, appena superata la villa comunale, che stanno provocando numerosissimi disagi alla circolazione stradale poichè Il cantiere, di notevoli dimensioni, occupa più della metà della carreggiata. 

Non c’è cittadino che non abbia notato come i lavori siano fermi da tempo e
come  non ci sia alcun segno che stiano per riprendere, perpetuando in
città un  diffuso sentimento di abbandono e mancata vigilanza da parte
dell’amministrazione comunale e degli uffici preposti, la cui inerzia provoca
quotidianamente una situazione di gravissimo disagio per la viabilità.

Mi chiedo, e se lo chiedono tutti i canicattinesi, come sia possibile che
lavori di questa natura, in un punto così trafficato della nostra città, non
siano stati effettuati con celerità e già completati da tempo, rimuovendo anche
una situazione di pericolo per i nostri concittadini. 

Così come ci chiediamo perchè non si sia provveduto, nelle more del
completamento dei lavori, a far adottare soluzioni che potessero rimuovere
temporaneamente i disagi alla circolazione, come ad esempio attraverso la posa
di lastre di ferro sulla zona interessata ai lavori.?

Mi riservo, su questo argomento, di presentare una apposita interrogazione
in consiglio comunale.  

Chiedo con forza all’amministrazione comunale ed agli uffici preposti di
svegliarsi ed uscire dal torpore, di vigilare sullo stato di completamento di
questi ed altri lavori che stanno interessando il territorio cittadino, che non
può e non deve essere abbandonato alla anarchia e all’incuria.

Consigliere comunale, Umberto Palermo

Condividi su...

Un commento su "Canicattì, lavori stradali con controlli carenti: intervento del Consigliere Umberto Palermo"

  1. Luigi   26 Gennaio 2019 at 6:33

    Sono impegnati a querelare i cittadini onesti che parlano nell’interesse della collettività

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.