Intervista a padre Ombeni, chiesa San Biagio

E’ ancora turbato don Ombeni Mupenda, parroco della chiesa di San Biagio a Canicattì, per il raid subito la scorsa notte. Ai nostri microfoni ci ha raccontato come sono andati i fatti: “Qualcuno si è introdotto nella chiesa scassinando il portone laterale dopo aver tentato invano di aprire la porta principale. Una volta dentro hanno forzato il candeliere votivo ma non hanno trovato nulla perchè lo avevo svuotato la sera prima. Non contenti, hanno rubato alcune corone poste sulla statua di Santa Rita e della Madonna delle citure, un calice, la pisside e un turibolo. Inoltre hanno sparso sull’altare le ostie consacrate e messo a soqquadro la sagrestia. Sono profondamente dispiaciuto per quel che è successo, si tratta di un’azione che rappresenta una grave offesa verso tutti i fedeli – commenta il parroco – chi compie questi atti è malvagio d’animo, lo invito a convertirsi per trovare la serenità interiore”. Viste le varie ipotesi sull’azione compiuta, abbiamo chiesto a don Ombeni cosa pensa della pista satanica: ” Non posso sbilanciarmi su questo argomento, non sono stati trovati elementi che possano condurre a tale ipotesi, saranno gli inquirenti ad approfondire le indagini in merito”.

Davide Difazio, giornalista iscritto all’albo nazionale dei giornalisti, elenco pubblicisti Sicilia, dal 09/05/2003 N° di tessera 098283, protagonista di diverse trasmissioni televisive in Rai e Mediaset ha collaborato con diverse testate giornalistiche nazionali ottenendo risultati lusinghieri. Fondatore della testata giornalistica Siciliareporter.com, in pochi anni , è riuscito a far diventare il portale un importante punto di riferimento per l'informazione siciliana.