Oggi, 29 aprile, alle 10.00 presso il plesso scolastico “F.Crispi” a Canicattì, parte l’iniziativa “Un albero per Rosario Livatino: un uomo che ha scelto il Bene Giusto“.

La scuola dell infanzia e primaria “F. Crispi” di Canicattì, fu sede del Liceo Classico “U. Foscolo” negli anni in cui il giudice Livatino ha intrapreso e completato il ciclo di studi superiori, questa mattina sarà piantumato un ulivo, simbolo di Pace, di Vita ed emblema di sicilianità, in memoria del magistrato ucciso dalla mafia il 21 settembre 1990 e che sarà proclamato beato il 9 maggio prossimo.

Gli studenti del Foscolo, animati da un forte senso di appartenenza a questo territorio, hanno sentito il dovere di conferire a Rosario Livatino onore e lustro, scegliendolo come Giusto nella partecipazione alla VI edizione del progetto “Un Giardino delle Giuste e dei Giusti in ogni scuola”, indetto dalla Fnism-Catania in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura, all’istruzione e alle Pari Opportunità del Comune di Catania.

Livatino sarà il primo magistrato beato nella storia della Chiesa cattolica; sono stati tanti a perorare la sua causa, soprattutto la prof.ssa Ida Abate, prima biografa del giudice e sua docente di lettere classiche al “Foscolo” nonchè fondatrice e presidente dell’Associazione “Amici del giudice Rosario Angelo Livatino”.

Proprio lo scorso anno gli studenti del Liceo Classico “U. Foscolo” l’hanno scelta come Giusta per l’impegno intellettuale e sociale profuso nella comunità canicattinese e per la preziosa eredità culturale sul nostro eroe, un uomo che ha fatto della sua vita una testimonianza vera di Pace e Giustizia e per cui noi tutti proviamo immensa ammirazione e gratitudine.