E’ un periodo amaro per il tema rifiuti nella città di Canicattì. Dopo il sequestro del centro di raccolta rifiuti sito in contrada Calandra avvenuto nello scorso 2 ottobre, la scorsa notte due autocompattatori appartenenti alle imprese che si occupano della raccolta e smaltimento della spazzatura sono stati depredati della benzina. I veicoli erano stati lasciati parcheggiati nel piazzale dell’area di stoccaggio al Foro Boario, una zona isolata e dunque facilmente attaccabile da parte dei malfattori che hanno dunque aspirato tutta la benzina, del valore complessivo di circa 300 euro, rendendo così inservibili gli automezzi. La bizzarra scoperta è stata fatta intorno all’alba dagli stessi operai i quali, trovandosi nell’impossibilità di svolgere il proprio operato, hanno allertato gli uomini dell’arma dei carabinieri che hanno raccolto la denuncia contro ignoti di furto e avviato le indagini atti a identificare i colpevoli.

Di Pietro Geremia

Davide Difazio, giornalista iscritto all’albo nazionale dei giornalisti, elenco pubblicisti Sicilia, dal 09/05/2003 N° di tessera 098283, protagonista di diverse trasmissioni televisive in Rai e Mediaset ha collaborato con diverse testate giornalistiche nazionali ottenendo risultati lusinghieri. Fondatore della testata giornalistica Siciliareporter.com, in pochi anni , è riuscito a far diventare il portale un importante punto di riferimento per l'informazione siciliana.