Durante i normali controlli anti covid, gli agenti del commissariato di Canicattì, a seguito di una segnalazione al numero unico di emergenza, hanno accertato decine di giovani assembrati nelle adiacenze di un centro di formazione canicattinese.

Gli studenti erano in attesa di svolgere gli esami per ottenere qualifiche professionali, quali quella di O.S.A, operatore per risorse Web ed altro.

Sul posto, oltre agli agenti del commissariato sono intervenuti anche i finanziari della locale tenenza che hanno collaborato alle verifiche del caso.

Le forze dell’ordine hanno appurato che il centro era autorizzato allo svolgimento della giornata di esami ma non ha previsto un’adeguata organizzazione in modo da regolamentare l’accesso nella struttura per evitare pericolosi assembramenti.

La polizia ha riscontrato anche l’assenza di misure di prevenzione del contagio quali misurazione della temperatura corporea e sanificazione delle mani.

Alla fine dei controlli, il responsabile legale del centro di formazione è stato sanzionato ai sensi dell’art. 1 del Decreto Legge n. 35/2020, poiché organizzava esami in presenza senza rispettare i protocolli previsti dalla normativa vigente.