Catania, panettire aggreddito

Il senso civico gli è stato fatale, picchiato per aver chiesto di rispettare le norme anti coronavirus ad un cliente del suo panificio. E’ quanto accaduto al titolare di un panificio che notando un cliente senza mascherina, lo avrebbe invitato a rispettare le norme anti contagio chiedendogli di indossare il dispositivo di protezione.

Per tutta risposta è stato aggredito e preso a calci e pugni. Il luogo del misfatto è un panificio di Catania, L’aggressore, un 37enne di Giarre, è stato arrestato dai carabinieri con le accuse di lesioni personali, resistenza e violenza a pubblico ufficiale.

L’uomo era entrato nel negozio, una panetteria a conduzione familiare, senza indossare la mascherina, dopo l’invito a mettere la protezione, ha aggredito il titolare e alcuni sui familiari. L’uomo ha reagito violentemente anche all’arrivo dei carabinieri, intervenuti per sedare la lite.

Alla fine i carabinieri lo hanno bloccato e ammanettato. Le vittime dell’aggressione sono finite al pronto soccorso, per loro una prognosi di 10 giorni a causa dei vari traumi subiti.