Tar Sicilia

I giudici del Tar Lazio hanno accolto il ricorso di una candidata siciliana (8.171 i concorrenti) all’ufficio per il processo al Ministero di giustizia.

La donna – assistita dagli avvocati Girolamo Rubino e Giuseppe Impiduglia – ha mantenuto il posto nonostante una concorrente di Caltanissetta avesse proposto un ricorso per ottenere la rettifica e quindi un punteggio maggiore.

I giudici del Tar Lazio hanno ritenuto fondate le tesi degli avvocati, in quanto la la laurea magistrale rappresenta un titolo superiore rispetto a quello richiesto per l’accesso.