Grotte, arrivo di 52 migranti in una struttura privata: la protesta del Consigliere Cuffaro

Grotte, arrivo di  52 migranti in una struttura privata: la protesta del Consigliere Cuffaro
Nello Musumeci con Aristotele Cuffaro

Riceviamo e pubblichiamo.

“Non è concepibile che un’ amministrazione comunale venga scavalcata dal prefetto e quindi dallo stato e costretta a subire la venuta di 50 migranti nella nostra cittadina.

Sono sempre stato contrario al business di poveri disgraziati da parte di cooperative a maggior ragione in un periodo come questo in cui vi è un alta probabilità di diffusione del coronavirus.

Noi Grottesi siamo stati esemplari e continueremo ad esserlo nel rispettare le regole comportamentali in questa fase di emergenza e sono fortemente combattuto sulle decisioni statali che da un lato ci dicono di rimanere “carcerati”in casa per evitare la diffusione del virus e dall’altro lato consente la distribuzione di migranti senza essere stati tamponati in diversi paesi siciliani. Non è questione di razzismo ma di buon senso: bisogna trovare soluzioni diverse e non alimentare la diffusione di contagio.

Che sia chiaro, io sono convintamente contrario e ritengo un abuso quello che noi cittadini stiamo subendo. La tutela della salute non si garantisce con il gioco delle tre carte, bensì con soluzioni concrete, ponderate. Chi vive nei salotti lussuosi del parlamento e del senato non riesce a comprendere il malcontento e la paura che serpeggia e aumenta nelle case della gente comune e sbaglia , a mio avviso, nel prendere certe decisioni.

Vorrei, con molta umiltà, dire al ministro Lamorgese e a tutti i componenti del governo nazionale, con Conte a capo, di ospitare i migranti, per la dovuta quarantena, nelle proprie abitazioni per evitare che poveri disgraziati siano oggetto di arricchimento da parte di cooperative e per continuare uno stato di sicurezza imposto per la diffusione del virus. Scusate,ma la mia esternazione è dovuta ad una concreta preoccupazione.”

Aristotele Cuffaro (consigliere comunale)

Ti potrebbe interessare anche  Canicattì, le reti della Tresorgenti rimangono nel Consorzio

Condividi su...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.