Il presidente del Tar per la Sicilia ha rigettato l’istanza di sospensione del calendario venatorio 2019/2020 presentata dalle associazioni venatorie Anca, Federazione Siciliana della Caccia, Italcaccia, Liberi cacciatori siciliani, Unaves e Cpas che avevano impugnato le disposizioni regionali che hanno parzialmente ridimensionato i periodi e le specie cacciabili in Sicilia, al fine di tutelare il patrimonio faunistico e la biodiversità.

Secondo il Tar, le lagnanze dei cacciatori – che lamentavano di non poter cacciare tortore, quaglie, beccacce ed altri uccelli migratori in periodi ampi della stagione venatoria – non meritano accoglimento, anche perché «non è ravvisabile nella fattispecie un danno così rilevante che giustifichi l’accoglimento della suddetta istanza».

«Sarebbe assurdo e grave modificare il calendario venatorio proprio dopo l’autorevole intervento del Tar. Tra l’altro in questi giorni – dicono le associazioni ambientaliste – nelle Marche ed in Abruzzo i locali Tar hanno sospeso la pre-apertura della caccia perché le Regioni non avevano recepito le indicazioni in materia di conservazione delle specie faunistiche emanate dal ministero dell’Ambiente e dall’Ispra (Istituto superiore protezione e ricerca ambientale)».

Fonte: lasicilia.it
(https://www.lasicilia.it/news/cronaca/275911/il-calendario-venatorio-non-si-tocca-il-tar-boccia-le-richieste-dei-cacciatori.html)