Da domani niente scorta per il colonnello Sergio De Caprio, noto come Capitano Ultimo.“I peggiori sono sempre quelli che rimangono alla finestra a guardare come andrà a finire. Sempre tutti uniti contro la mafia di Riina e Bagarella. No abbandono No omertà No mobbing di Stato”. Con una serie di tweet il colonnello De Caprio esprime la sua rabbia per la revoca della sua scorta, nell’anniversario peraltro dell’uccisione del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa. Ultimo chiede anche polemicamente “chi ha visto il comandante dei carabinieri Giovanni Nistri?”. Ma dal Comando generale dell’Arma precisano che “la decisione sulla scorta non compete al comandante generale”. De Caprio ringrazia poi gli oltre diecimila firmatari della petizione promossa sulla piattaforma change.org per chiedere il mantenimento della tutela per l’ufficiale dei carabinieri e cita le parole dello stesso Dalla Chiesa contro “l’ingiustizia che sostiene la mafia di Riina e Bagarella e fa uccidere i combattenti del Popolo”. Ed era stata proprio Rita Dalla Chiesa, la figlia del generale ucciso dalla mafia a contestare su Facebook nei giorni scorsi la decisione di revocare la scorta al Capitano Ultimo. Ora trova sostegno anche in Parlamento con la presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni e la deputata di Forza Italia Jole Santelli che chiedono al ministro dell’Interno Matteo Salvini di intervenire. De Caprio ha goduto fino ad oggi di una protezione del quarto livello, il più basso, che consiste in un’auto non blindata ed una persona di scorta. Da domani l’ufficiale sarà dunque senza tutela. Per domani sera il colonnello ha organizzato preso la Casa Famiglia Capitano Ultimo, a Roma, “una serata per ricordare l’esempio di un combattente abbandonato nella lotta alla mafia, lontano dai palazzi del potere, con la gente umile, con le famiglie”. Ci sarà anche Rita Dalla Chiesa. Meloni, da parte sua, annuncia per mercoledì un’interrogazione al question time di Fratelli d’Italia al ministro Salvini: “gli eroi che hanno combattuto e che combattono la mafia devono essere sostenuti e difesi dallo Stato”. Sulla stessa linea Santelli (Fi). “Il ministro Salvini – spiega – dovrà portare in Parlamento l’elenco di chi viene ritenuto obiettivo sensibile ed ha diritto alla tutela dello Stato. Al momento Saviano mantiene la scorta e Ultimo la perde”. Nei giorni scorsi il titolare del Viminale aveva puntualizzato di non poter intervenire direttamente, come ministro, sull’assegnazione del personale di scorta, ma aveva promesso di chiedere “informazioni per capirne di più” sul caso. Fonte: gds.it (http://gds.it/2018/09/02/da-domani-gli-sara-revocata-la-scorta-il-capitano-ultimo-no-a-mobbing-di-stato_909199/)

Davide Difazio, giornalista iscritto all’albo nazionale dei giornalisti, elenco pubblicisti Sicilia, dal 09/05/2003 N° di tessera 098283, protagonista di diverse trasmissioni televisive in Rai e Mediaset ha collaborato con diverse testate giornalistiche nazionali ottenendo risultati lusinghieri. Fondatore della testata giornalistica Siciliareporter.com, in pochi anni , è riuscito a far diventare il portale un importante punto di riferimento per l'informazione siciliana.