La polizia municipale di Catania, specificatamente il reparto polizia commerciale, ha recentemente attuato una vasta operazione di controllo che ha portato all’emissione di 30 provvedimenti interdittivi nei confronti di vari esercizi commerciali.

Questi provvedimenti si dividono in 12 ordini di cessazione definitiva di attività e 18 sospensioni temporanee.

Le azioni di chiusura definitiva sono state necessarie per la mancanza di autorizzazioni amministrative e sanitarie.

I locali coinvolti includono pub, bar, ristoranti e negozi di vicinato situati in diverse aree di Catania come via Gemmellaro, piazza Carlo Alberto, corso Indipendenza, e molte altre.

Oltre alla chiusura, per i 12 locali definitivamente chiusi è stata ordinata anche la confisca degli arredi e delle attrezzature, con la successiva distruzione degli stessi in appositi impianti di smaltimento.

Per quanto riguarda le sospensioni temporanee, queste sono state motivate da violazioni quali l’occupazione abusiva di suolo pubblico o l’ampliamento non autorizzato dello stesso.

Queste misure sono un chiaro segnale dell’impegno dell’amministrazione comunale nel preservare la legalità e l’ordine pubblico, nonché nel garantire la sicurezza e la regolarità delle attività commerciali.

In aggiunta, la polizia ha intensificato i controlli sugli ambulanti, emettendo 10 provvedimenti di cessazione di attività e confiscando la merce a venditori itineranti operanti illegalmente, nonostante i divieti, nelle vie centrali della città come via Etnea.

Gli ultimi mesi hanno visto anche 62 accessi ispettivi che hanno rivelato la mancanza dei requisiti di legge in 12 locali del centro storico, segnalati per l’avvio di procedure amministrative di rigetto.

Questi interventi dimostrano un rinnovato vigore nelle politiche di controllo del territorio da parte delle autorità cittadine, mirate a ristabilire un equilibrio tra lo sviluppo economico e il rispetto delle normative.

Gli effetti di queste operazioni saranno monitorati nei prossimi mesi, per valutare l’impatto sulla comunità locale e sul tessuto commerciale di Catania.