Licata, operazione assedio: arrestato Consigliere comunale

Licata, operazione assedio: arrestato Consigliere comunale

I Carabinieri del Comando Provinciale di Agrigento hanno eseguito 9 ordinanze di custodia cautelare emesse nei confronti di vertici ed affiliati delle famiglie mafiose di “Cosa Nostra” di Licata (Ag) e Campobello di Licata (Ag). L’operazione, eseguita su input della Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo con il nome in codice Assedio, fa seguito all’indagine che, il 19 giugno scorso, aveva già fatto scattare 7 fermi di indiziato di delitto per associazione mafiosa armata.

Nuovamente arrestato a Licata l’ex consigliere comunale Giuseppe Scozzari, 47 anni finito nella rete di nel blitz antimafia “Assedio”,  lo scorso 19 giugno.  Scozzari, è accusato di concorso esterno in associazione mafiosa.

A riportare agli arresti (domiciliari con obbligo di braccialetto elettronico) è stato ieri il Gip del Tribunale di Palermo Fabio Pilato (come riporta il quotidiano La Sicilia nell’edizione di oggi).

Il Gip ha anche disposto il ritorno in carcere Raimondo Semprevivo, 46 anni di Licata (era ai domiciliari) e la conferma dell’arresto in carcere di Angelo Occhipinti, 64 anni di Licata, inteso “piscimoddru”, considerato il capo della famiglia mafiosa di Licata; Vincenzo Bellavia, 34 anni di Licata considerato membro della locale famiglia;  Giuseppe Puleri, 40 anni di Campobello di Licata, considerato autorevole esponente del clan di Campobello di Licata; Angelo Graci, 32 anni di Licata, ritenuto dagli inquirenti uno dei più stretti collaboratori di Angelo Occhipinti; Giuseppe Salvatore Spiteri, 46 anni di Licata, considerato membro del clan di Occhipinti.

Il consigliere Scozzari è tornato agli arresti, dopo che la scorsa settimana il Gip del Tribunale di Agrigento, Stefano Zammuto ne aveva disposto la scarcerazione per mancanza di gravi indizi.

Le indagini, svolte dai carabinieri del Nucleo operative di Agrigento  e dai militari di Licata avrebbero permesso di sgominare, individuando s boss e gregari, le “famiglie” di Licata e Campobello di Licata.

Condividi su...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.