Nel pomeriggio del 30 dicembre 2020, i carabinieri della Stazione di Falcone in provincia di Messina hanno dato esecuzione ad una ordinanza di custodia cautelare degli arresti domiciliari emessa dal Giudice delle Indagini Preliminari del Tribunale di Patti su richiesta della locale Procura della Repubblica, guidata dal Procuratore Capo Angelo Vittorio Cavallo, a carico di un 21enne di Falcone, ritenuto responsabile di estorsione, minaccia e danneggiamento ai danni della madre e della nonna.

Il provvedimento cautelare scaturisce da un’attività di indagine condotta dalla Stazione Carabinieri di Falcone e coordinata dal sostituto Procuratore della Repubblica Dr.ssa Federica Urban, i cui esiti hanno consentito di documentare come l’uomo, al fine di acquistare sostanza stupefacente per uso personale, con ripetuti atti di violenza e minaccia costringeva la madre a cedere plurime somme di denaro che lo stesso impiegava per acquistare droga per soddisfare il proprio fabbisogno.

Inoltre, le indagini hanno permesso di accertare ulteriori episodi di minaccia e danneggiamento di cui l’uomo si è reso responsabile in danno dell’anziana nonna, la quale diverse volte aveva tentato di indurre il nipote a non fare più uso di sostanza stupefacente.

L’uomo, al termine delle formalità di rito, è stato accompagnato presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Davide Difazio, giornalista iscritto all’albo nazionale dei giornalisti, elenco pubblicisti Sicilia, dal 09/05/2003 N° di tessera 098283, protagonista di diverse trasmissioni televisive in Rai e Mediaset ha collaborato con diverse testate giornalistiche nazionali ottenendo risultati lusinghieri. Fondatore della testata giornalistica Siciliareporter.com, in pochi anni , è riuscito a far diventare il portale un importante punto di riferimento per l'informazione siciliana.