Messina, insegnante rinuncia alla nomina per via dei troppi scalini da salireUna vicenda surreale è successa in una delle isole di Messina. “Una docente di matematica nominata nei giorni scorsi si è recata sull’isola di Alicudi, ma ha dovuto rinunciare in quanto il percorso fino alla scuola, con 350 scalini, che le è risultato estremamente pesante”. Con queste parole Bartolo Pavone, vicepreside della scuola elementare di Lipari, da cui dipende Alicudi ha raccontato il singolare episodio avvenuto nella scuola più piccola d’Europa. È  ormai noto infatti, che per via della presenza di soli tre alunni all’interno della scuola, le lezioni non seguono un calendario preciso: gli insegnanti vanno e vengono, ed è proprio per questo i genitori degli protestano ad alta voce. “Riteniamo che l’unica soluzione per risolvere anche i problemi scolastici nelle isole minori potrebbe essere una legge che dia la precedenza per l’insegnamento nelle isole dei docenti eoliani. Il paradosso è che una decina di insegnanti eoliani sono costretti a lavorare nel nord Italia e pur avendo fatto richiesta anche per gravi motivi di malattia e di famiglia, non sono state autorizzati a rientrare nelle loro isole” dichiara il vicepreside Pavone.

Davide Difazio, giornalista iscritto all’albo nazionale dei giornalisti, elenco pubblicisti Sicilia, dal 09/05/2003 N° di tessera 098283, protagonista di diverse trasmissioni televisive in Rai e Mediaset ha collaborato con diverse testate giornalistiche nazionali ottenendo risultati lusinghieri. Fondatore della testata giornalistica Siciliareporter.com, in pochi anni , è riuscito a far diventare il portale un importante punto di riferimento per l'informazione siciliana.