Il direttore del Dipartimento di Scienze radiologiche ASP, Angelo Trigona, interviene a margine di alcune notizie, circolate a mezzo stampa, relative alla presunta mancanza di una risonanza magnetica ad alto campo presso l’ospedale di Agrigento: “in data odierna si apprende da alcune testate giornalistiche locali la notizia che all’ospedale di Agrigento mancherebbe l’apparecchiatura di Risonanza Magnetica.

Certo è noto che il caldo anomalo come quello avuto in questi primi giorni di luglio possa fare brutti scherzi ma lanciarsi in tali affermazioni senza verificare la fondatezza delle dichiarazioni rese da un cittadino appare poco professionale da parte degli organi di stampa che non fanno altro con questo articolo che screditare l’Azienda Sanitaria Provinciale locale che tanto ha fatto in questi ultimi anni per assicurare alla popolazione locale prestazioni ultraspecialistiche di cui, fino a qualche anno fa, non si sapeva neppure l’esistenza.

Tanto per puntualizzare, l’ASP di Agrigento dispone di ben quattro apparecchiature a Risonanza Magnetica ad alto campo, una installata all’ospedale di Agrigento, le altre a Canicattì, Licata e Sciacca, garantendo una copertura capillare nel territorio e riuscendo ad erogare la quasi totalità delle prestazioni diagnostiche richieste in tempi ragionevoli e comunque nel rispetto delle disposizioni regionali sulla priorità delle prescrizioni.

Per quanto esposto appare doveroso da parte delle testate giornalistiche che incautamente hanno pubblicato la notizia dare altrettanto spazio alla realtà dei fatti e si resta sempre disponibili al dialogo costruttivo piuttosto che assistere alla pubblicazione di tali articoli senza la possibilità di un contraddittorio”.