Operazione Halycon, Licata

Gli uomini della polizia di stato, su delega della Direzione distrettuale antimafia di Catania, hanno eseguito tre ordinanze di custodia cautelare nei confronti altrettanti componenti di una famiglia etnea vicina al clan Giuliano, attivo nel territorio di Pachino e Portopalo di Capo Passero. Nel dettaglio, le indagini sono partite nel 2017 quando il curatore fallimentare nominato dal Tribunale di Siracusa, nel momento stesso in cui stava mettendo i sigilli ad un distributore di carburante gestito dalla ditta condotta dalla moglie di uno degli imputati, è stato minacciato al fine di interrompere la procedura di sequestro del distributore. Successivamente, un secondo avvertimento era arrivato al curatore, con l’esplosione di un ordigno che gli aveva danneggiato l’auto. I poliziotti, dopo una solerte indagine, hanno ricostruito quanto accaduto tramite l’utilizzo di intercettazioni telefoniche e telecamere situate nei pressi dell’avvenuta esplosione, permettendo dunque l’arresto dei malviventi per minaccia e violenza a un pubblico ufficiale, danneggiamento aggravato, detenzione e porto illegale di un ordigno esplosivo, aggravati dalle modalità mafiose.

Di Pietro Geremia

Davide Difazio, giornalista iscritto all’albo nazionale dei giornalisti, elenco pubblicisti Sicilia, dal 09/05/2003 N° di tessera 098283, protagonista di diverse trasmissioni televisive in Rai e Mediaset ha collaborato con diverse testate giornalistiche nazionali ottenendo risultati lusinghieri. Fondatore della testata giornalistica Siciliareporter.com, in pochi anni , è riuscito a far diventare il portale un importante punto di riferimento per l'informazione siciliana.