E siamo solo a Maggio. Non dà tregua l’ondata di caldo anomalo che da più giorni interessa parte del sud asiatico, in particolare il Pakistan e l’India settentrionale.

Proprio verso il confine tra i due stati si raggiungono le temperature più elevate, con punte di 48°C registrate nel Pakistan orientale a Jacobabad, per il terzo giorno consecutivo, dopo che a inizio mese la colonnina è balzata fino a 49°C. Pochi gradi in meno si raggiungono nell’India settentrionale, con punte di 46°C nel settore nordoccidentale.

Si tratta di temperature molto elevate e di un caldo particolarmente duraturo, cominciato già nel mese di marzo e destinato a protrarsi per altri giorni ancora, con punte ancora di qualche grado superiori.

Non vogliamo provare nemmeno a immaginare cosa succerà nei prossimi mesi, in particolar modo sulla nostra Sicilia, quando il “mostro” africano inchioderà le sue radici.

L’anno scorso abbiamo “patito” solamente 48 ore per via di quell’assurda ondata di caldo sahariana che ha fatto registrare il record di ben 48,8°C registrato a Lentini provincia di Siracusa ma con punte tra 40 e 45°C su tutta l’intera Isola. Quest’anno, visto l’andazzo, non sappiamo cosa succederà nei prossimi mesi.

Di Salvatore Gioacchino Cacciato