Assolti perchè il fatto non sussiste. E’ questa la decisione presa dai giudici del Tribunale di Palermo i quali hanno assolto undici imputati appartenenti alle Ferrovie dello Stato, accusati di omicidio colposo plurimo per aver, secondo l’accusa,  provocato la morte di cinque operai uccisi dall’amianto killer tra il 2007 e il 2009.
Secondo uno dei legali dei dirigenti delle Ferrovie dello Stato “le perizie dimostrano che le Ferrovie dello Stato sono state fra le prime in Italia ad attivarsi per contrastare il fenomeno dell’amianto, ancora prima dell’entrata in vigore della legge nazionale che ne vietata l’impiego. Gli operai deceduti, prima di approdare alle Ferrovie, avevano fatto il servizio di leva alla Marina militare e poi prestato servizio ai Cantieri navali.
Luoghi dove – conclude l’avvocato – si lavorava a stretto contatto con le polveri di amianto”.
Gli imputati, oltre che da Biondo, erano assistiti da Maria Luisa Martorana, Giuseppe Fiorenza e Daria Grimanis.
Di Pietro Geremia
Davide Difazio, giornalista iscritto all’albo nazionale dei giornalisti, elenco pubblicisti Sicilia, dal 09/05/2003 N° di tessera 098283, protagonista di diverse trasmissioni televisive in Rai e Mediaset ha collaborato con diverse testate giornalistiche nazionali ottenendo risultati lusinghieri. Fondatore della testata giornalistica Siciliareporter.com, in pochi anni , è riuscito a far diventare il portale un importante punto di riferimento per l'informazione siciliana.