Il distributore di carburante “Esso” di via Leonardo da Vinci 392, finito nelle indagini sul clan Vernengo, è stato dissequestrato. Il gip Walter Turturici, che aveva disposto dapprima il sequestro, ha infatti firmato un nuovo provvedimento dove si attesta che il proprietario Salvatore Faraone, di 35 anni, non risulta avere legami con la famiglia mafiosa di Santa Maria di Gesù. In una prima parte dell’inchiesta, l’accusa riteneva che l’impianto facesse parte della rete di quelli (ben otto) riconducibili ai fratelli Cosimo e Giorgio Vernengo, figli di Pietro, boss ergastolano.

Fonte: Gds.it (http://palermo.gds.it/2018/01/28/truffa-della-benzina-a-palermo-dissequestrato-limpianto-della-esso-non-e-dei-vernengo_793700/)