Una società che lascia indietro il più debole non è una società giusta”. Torna a parlare Biagio Conte, dal suo luogo di ritiro e silenzio in collina, dove si è rifugiato per continuare la sua azione di sensibilizzazione delle coscienze di ogni cittadino e di ogni istituzione perché i poveri, i senzatetto, i disoccupati siano al centro dell’azione personale e politica di ciascuno. L’interruzione del digiuno e della protesta alle Poste centrali non ha fermato il missionario laico, che ha scelto una celletta del santuario della Madonna delle Croci in territorio di Monreale, per sistemare il suo giaciglio a terra e continuare a pregare per i poveri del mondo. E rivela di avere ricevuto una lettera dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che ringrazia per avergli scritto “parole profonde che tengo nel mio cuore, mettendole in pratica, e che mi invitano a sperare”. “La tua denuncia è importante e fondata – scrive il Capo dello Stato – non si può consentire che ci siano persone senza un luogo dove ripararsi e vivere”.

Fonte: Gds.it (http://palermo.gds.it/2018/01/27/mattarella-scrive-a-biagio-conte-la-tua-denuncia-e-fondata_793381/)