Palermo, via Carini: rubata bandiera posta sulla lapide del generale Carlo Alberto Dalla ChiesaUn chiaro segno di inciviltà è successo nella giornata di ieri a Palermo. Alcuni carabinieri in servizio presso il capoluogo siciliano infatti, dopo il solito giro perlustrativo hanno scoperto che, per la terza volta, è stata rubata la bandiera posta sotto la lapide che ricorda, in via Carini, il sacrificio del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa. È la stessa figlia del Generale, Rita Dalla Chiesa a denunciare il fatto tramite il suo account Twitter: “Avevamo messo questa bandiera, con i miei fratelli e alcuni carabinieri, il 3 settembre, a Palermo, sotto la lapide di nostro padre. E’ stata rubata per la terza volta. E questa è sempre e soltanto mafia“. Non è però la prima volta che la lapide viene oltraggiata. Già ad aprile la conduttrice aveva denunciato la sparizione di una bandiera, che lei stessa aveva appeso, con scritto “Papà”. Carlo Alberto Dalla Chiesa era stato nominato Prefetto di Palermo nel 1982 con l’intento di ottenere contro Cosa Nostra gli stessi brillanti risultati ottenuti nella lotta al terrorismo, ma fu ucciso pochi mesi dopo il suo insediamento in un attentato mafioso dove perirono anche la moglie e l’agente di scorta. Alla cerimonia in ricordo del “Prefetto“, della moglie Emanuela Setti Carraro e all’agente di polizia Domenico Russo quest’anno ha preso parte anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, dove in quell’occasione sono state deposte corone di fiori e anche il tricolore.

Davide Difazio, giornalista iscritto all’albo nazionale dei giornalisti, elenco pubblicisti Sicilia, dal 09/05/2003 N° di tessera 098283, protagonista di diverse trasmissioni televisive in Rai e Mediaset ha collaborato con diverse testate giornalistiche nazionali ottenendo risultati lusinghieri. Fondatore della testata giornalistica Siciliareporter.com, in pochi anni , è riuscito a far diventare il portale un importante punto di riferimento per l'informazione siciliana.