Sicilia, confiscati beni a presunti affiliati a "cosa nostra"Due decreti di confisca beni emessi dalla Sezione misure di prevenzione de tribunale di Caltanissetta sono stati eseguiti dalla Direzione investigativa antimafia della provincia nissena. I decreti erano stati proposti del direttore della Dia, nei confronti di esponenti mafiosi di  Montedoro. I due provvedimenti sono stati emessi a seguito di indagini patrimoniali che hanno consentito di aggredire i patrimoni che si ritengono illecitamente accumulati dagli stessi. Alcuni dei beni confiscati appartenevano al  reggente della famiglia mafiosa di Sutera, nonché fra gli uomini d’onore appartenenti al sodalizio capeggiato da Giuseppe “Piddu” Madonia, operante nella provincia di Caltanissetta. Le confische hanno riguardato beni immobili in provincia di Caltanissetta. In particolare, si tratta di quattro aziende, sei immobili, 68 terreni, nonché numerosi rapporti bancari ancora in corso di quantificazione.

Davide Difazio, giornalista iscritto all’albo nazionale dei giornalisti, elenco pubblicisti Sicilia, dal 09/05/2003 N° di tessera 098283, protagonista di diverse trasmissioni televisive in Rai e Mediaset ha collaborato con diverse testate giornalistiche nazionali ottenendo risultati lusinghieri. Fondatore della testata giornalistica Siciliareporter.com, in pochi anni , è riuscito a far diventare il portale un importante punto di riferimento per l'informazione siciliana.