In seguito al caso scoppiato a Palermo agli inizi di gennaio dove un avvocato era stato denunciato per molestie a persone e interferenze illecite nella vita privata per via di un filmato dove venivano mostrati i disservizi subiti dalla moglie al pronto soccorso dell’ospedale Villa Sofia del capoluogo, è stata decisa l’archiviazione del caso.

A scrivere la richiesta di archiviazione è stato lo stesso pm Enrico Bologna il quale nelle motivazioni ha stabilito che sarebbe un diritto documentare il disagio dell’utenza a causa delle lunghe attese che i pazienti sovente si trovano costretti a subire nel pronto soccorso.

”Vi era poi – continua il pm – un legittimo interesse personale costituito dalla circostanza che i pazienti in attesa di cure vi fosse proprio la moglie dell’indagato al quale non può certamente disconoscersi il diritto di documentare le condizioni di recettività della struttura ospedaliera – conclude Bologna”.

Di Pietro Geremia

Davide Difazio, giornalista iscritto all’albo nazionale dei giornalisti, elenco pubblicisti Sicilia, dal 09/05/2003 N° di tessera 098283, protagonista di diverse trasmissioni televisive in Rai e Mediaset ha collaborato con diverse testate giornalistiche nazionali ottenendo risultati lusinghieri. Fondatore della testata giornalistica Siciliareporter.com, in pochi anni , è riuscito a far diventare il portale un importante punto di riferimento per l'informazione siciliana.