Sicilia, fratturano gambe e braccia per ottenere assicurazione: 42 arresti e 250 indagati

Sicilia, fratturano gambe  e braccia per ottenere assicurazione:  42 arresti e 250 indagati

Gli uomini delle Squadre Mobili di Palermo e Trapani , congiuntamente alla guardia di finanza e alla polizia penitenziaria, hanno hanno arrestato 42 persone e indagato 250 sospetti per il reati di frode assicurativa.

Secondo quanto emerso dalle indagini, pare che gli indagati, tra i quali un avvocato e alcuni periti assicurativi, abbiano convinto giovani e donne disperati a mutilarsi braccia e gambe con il solo obiettivo di farsi consegnare un risarcimento più alto da parte delle assicurazioni.

Nel dettaglio nella loro maxitruffa i carnefici offrivano fino a 300 euro a gamba e 400 a braccio che venivano spezzati con metodi particolarmente violenti usando spranghe, dischi di ghisa, blocchi di cemento e anestetici di scarsa qualità e con il chiaro obiettivo di arraffare quanto più denaro possibile.

La maxi operazione di polizia, durata più di un anno e che si è avvalsa di innumerevoli testimoni oltre che centinaia di intercettazioni, ha permesso dunque di poter bloccare una lunga serie di orrori ai danni di disoccupati, indigenti, tossicodipendenti, e ragazze madri.

Condividi su...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.