Dopo due fumate nere, l’Ars ha il nuovo presidente, si tratta di Gianfranco Miccichè che per ben due volte non è riuscito ad ottenere i voti necessari alla sua elezione. Al terzo appello il risultato è positivo. Miccichè  arriva fino a 39 voti ottenendo i 33 voti della sua maggioranza. I franchi tiratori della maggioranza votano per Sergio Tancredi del Movimento 5 Stelle. Claudio Fava non dà spazio a dubbi e vota per se stesso. I 20 deputati del Movimento 5 stelle, danno la loro preferenza a Margherita La Rocca Ruvolo  mentre i deputati del Pd (11 in tutto) si spaccano con 7 voti a Nello Di Pasquale e 4 a Miccichè. Erano passate da pochi minuti le 14.00 quando il presidente pro tempore proclama Gianfranco Miccichè, eletto confermando 69 presenti e votanti, nessuna nulla e nessuna bianca.  Seconda Margherita La Rocca Ruvolo con 20 voti, poi Nello Di Pasquale con 7 ed infine Tancredi, Turano e Fava con un solo voto.