Nella giornata di ieri gli uomini dell’arma dei carabinieri di Catania hanno arrestato in flagranza del tentativo d’estorsione un 36enne del posto.

A quanto pare durante un controllo del territorio i militari, appartenenti al Nucleo Radiomobile del comando provinciale etneo, stavano transitando per le vie della città quando la loro attenzione sarebbe stata attirata da una accesa discussione tra due uomini.

Una volta giunti sul posto le forze dell’ordine avrebbero appreso come il sospettato avesse strappato di mano il cellulare di un povero 24enne originario di Siracusa minacciandolo dicendogli di essere un latitante e che se, oltre al telefono, non gli avesse consegnato anche il denaro, lo avrebbe pestato a sangue.

Solo l’intervento dei militari ha dunque permesso l’interruzione del reato in corso arrestando il 36enne il quale sarebbe stato sottoposto non solo all’obbligo di permanere in casa nelle ore notturne ma anche all’obbligo di firma giornaliero e di permanenza nel Comune di residenza su disposizione dell’autorità giudiziaria.