La Corte d’appello di Messina ha condannato i magistrati che lasciarono nella possibilità d’agire un marito violento, denunciato per 12 volte dalla moglie

La Corte d’appello di Messina ha condannato i magistrati che lasciarono nella possibilità d’agire un marito violento, denunciato per 12 volte dalla moglieUn pezzo di formaggio parmiggiano gli è costato un anno e quattro mesi di carcere. E’ la condanna, comminata col rito abbreviato,  inflitta ad un 45 enne di Mondello accusato di avere rubato un pezzo di formaggio parmigiano il 18 luglio dell’anno scorso all’interno del supermarket  Eurospin di Mondello, località balneare di Palermo. Il Gup Nicola Aiello ha stabilito, come riporta il Giornale di Sicilia, che “L’uomo, quel pezzo di formaggio l’avrebbe rubato, prelevandolo da uno scaffale e nascondendolo poi sotto la maglia. Passando dalla cassa, ma senza pagare. Non solo. Quando una commessa gli avrebbe chiesto di mostrarle cosa nascondesse, avrebbe reagito in maniera violenta, sferrando una gomitata alla donna”. Per l’imputato il sostituto procuratore Luca Battinieri, aveva chiesto una condanna a due anni e due mesi di reclusione. Il giudice ha concesso qualche attenuante ma non la sospensione condizionale della pena, che dovrà dunque scontare in carcere. Durante il processo, il quarantenne ha tentato di giustificarsi, sostenendo di non aver rubato nulla. Secondo la sua versione, infatti, avrebbe preso il pezzo di formaggio dallo scaffale, ma poi sarebbe stato costretto ad uscire dal negozio per chiarire una questione importante con la sua convivente.

Davide Difazio, giornalista iscritto all’albo nazionale dei giornalisti, elenco pubblicisti Sicilia, dal 09/05/2003 N° di tessera 098283, protagonista di diverse trasmissioni televisive in Rai e Mediaset ha collaborato con diverse testate giornalistiche nazionali ottenendo risultati lusinghieri. Fondatore della testata giornalistica Siciliareporter.com, in pochi anni , è riuscito a far diventare il portale un importante punto di riferimento per l'informazione siciliana.