Sicilia, simula un’aggressione da parte di randagi per chiedere risarcimento al Comune: denunciato

Sicilia, simula un’aggressione da parte di randagi per chiedere risarcimento al Comune: denunciato

Avrebbe tentato un raggiro nei confronti del comune di Partanna simulando di essere stato aggredito da un branco di cani randagi.

In realtà l’uomo, residente a Partanna, era stato aggredito da un cane appartente ad un privato cittadino.

L’ente pubblico lo ha citato in giudizio per tentata truffa : “poichè mediante artifici e raggiri si recava presso la guardia medica locale per farsi refertare delle lesioni dovute al morso di un cane dichiarando falsamente – si legge nell’atto di citazione in giudizio – di essere stato attaccato da un randagio mentre in realtà era stato aggredito dall’animale di un concittadino”.

L’uomo avrebbe poi presentato tutta la documentazione medica
attestante le lesioni riportate per addossare la responsabilità all’ente
locale e cercare di ottenere “un ingiusto profitto in danno del Comune
che accorgendosi della richiesta fraudolenta respingeva la pretesa di
risarcimento”.

Adesso dovrà presentarsi in udienza il prossimo 24 maggio per rispondere del reato commesso per il quale si rischia la reclusione da sei mesi a tre anni e una multa che va da 51 a 1.032 euro.

“Il maldestro tentativo di raggirare l’ente locale – afferma il sindaco Nicolò Catania – si è concluso con la citazione in giudizio della persona in questione e con un procedimento penale a suo carico che vede il Comune come parte offesa. E’ stata, insomma, una storia di furbizia spicciola che si è ritorta contro lo sprovveduto truffatore”.

Condividi su...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.