Da presunta vittima a carnefice. E’ questo il non sottile passaggio di vedute che ha visto come protagonista un uomo di Catania nella giornata di ieri. Nel dettaglio, gli agenti della polizia di stato sono riusciti a fermare un uomo a bordo di un’autovettura che correva a folle velocità tra le vie del centro in direzione di uno scooter che ha dapprima sorpassato e successivamente tagliato la strada costringendolo così a fermarsi a ridosso del marciapiede. Il conducente del mezzo, sarebbe quindi sceso iniziando a inveire contro il centauro andando in palese ricerca del contatto fisico. Fortunatamente però, le forze dell’ordine sono riuscite a bloccarlo prima che la lite degenerasse a suon di pugni. Una volta calmato, l’uomo ha iniziato a raccontare agli agenti di essere stato precedentemente urtato dalla vittima, cosa negata da quest’ultima e che ha sporto pure una querela nei suoi confronti. Sedati gli animi, i poliziotti di Borgo-Ognina hanno fermato il pirata della strada per i reati di violenza privata e minaccia nonché per rifiuto di fornire le generalità, oltre, essendo un dipendente di un’azienda di trasporto pubblico e quindi anche a tutela dei passeggeri, ad averlo segnalato alla motorizzazione per accertarne i requisiti psico-attitudinali.

Di Pietro Geremia

Davide Difazio, giornalista iscritto all’albo nazionale dei giornalisti, elenco pubblicisti Sicilia, dal 09/05/2003 N° di tessera 098283, protagonista di diverse trasmissioni televisive in Rai e Mediaset ha collaborato con diverse testate giornalistiche nazionali ottenendo risultati lusinghieri. Fondatore della testata giornalistica Siciliareporter.com, in pochi anni , è riuscito a far diventare il portale un importante punto di riferimento per l'informazione siciliana.