Trapani, 3 poliziotti vengono feriti dopo una rivolta di migranti all’Hot spot Milo

299 visualizzazioni

Trapani, 3 poliziotti vengono feriti dopo una rivolta di migranti all’Hot spot Milo

Dopo una grossa rivolta culminata con un tentativo di fuga avvenuta nella giornata di ieri da parte di oltre 60 ospiti dell’hotspot trapanese di contrada Milo, 3 degli agenti chiamati ad intervenire per sedare gli animi sono stati aggrediti e feriti.

Dura è la dichiarazione del ministro dell’Interno in merito al violento fatto: “I poliziotti non possono certamente rischiare la vita per le gravi carenze organiche come avvenuto nelle scorse ore a Trapani.

Le politiche di sicurezza del Paese non possono essere le stesse da Bolzano a Trapani”. Ancora più dura però è la replica al ministro che viene da parte di Fabio Conestà, segretario generale del movimento sindacale autonomo di polizia:

“Il capo della polizia, Franco Gabrielli, e il ministro dell’Interno, Marco Minniti, prendano atto che questi servizi di sicurezza sono diventati troppo rischiosi per chi indossa una divisa e le condizioni operative non sono assolutamente accettabili.

Occorre un’immediata inversione di rotta e l’irrisorio aumento degli stipendi, una decina di euro in più dopo ben un decennio di blocco del contratto del comparto sicurezza, non può offuscare le priorità che sosteniamo da tempo: nuovo personale, più mezzi, equipaggiamenti adeguati e formazione antiterrorismo”.

Di Pietro Geremia

Foto d’archivio

 

Condividi su...