Trapani, DIA sequestra patrimonio a mercante d'arteColpo grosso da parte della DIA di Trapani ai danni di G.F.B., 78enne, noto commerciante internazionale d’opere d’arte e reperti di valore storico–archeologico di Castelvetrano.
L’uomo, emigrato in Svizzera nel lontano 1976 dopo aver subito una procedura fallimentare, trovò lavoro prima  come impiegato in una struttura alberghiera ed in seguito, intraprese l’attività di commercio di opere d’arte e reperti archeologici, avviando la ditta Palladion Antike Kunst, riuscendo successivamente a diventare  titolare di una galleria d’arte a Basilea.
Pare però dalle indagini che la fortuna del trapanese fosse legata a Cosa Nostra. Secondo la ricostruzione effettuata dagli investigatori della Dia di Trapani, insieme alla Polizia Elvetica, per oltre un trentennio infatti, l’uomo avrebbe accumulato ricchezze con i proventi del traffico internazionale di reperti archeologici, molti dei quali trafugati clandestinamente nel più importante sito archeologico di Selinunte da tombaroli al servizio di cosa nostra.
Ma dietro al traffico illegale di reperti archeologici ci sarebbe il boss della mafia, Francesco Messina Denaro, poi sostituito da suo figlio l’odierno latitante Matteo.
Davide Difazio, giornalista iscritto all’albo nazionale dei giornalisti, elenco pubblicisti Sicilia, dal 09/05/2003 N° di tessera 098283, protagonista di diverse trasmissioni televisive in Rai e Mediaset ha collaborato con diverse testate giornalistiche nazionali ottenendo risultati lusinghieri. Fondatore della testata giornalistica Siciliareporter.com, in pochi anni , è riuscito a far diventare il portale un importante punto di riferimento per l'informazione siciliana.