Nei giorni scorsi si è svolta l’udienza preliminare del tribunale del riesame a carico del tunisino 25enne arrestato lo scorso 15 dicembre a Canicattì.

Il ragazzo era stato processato insieme ad altre quattordici persone a causa di una operazione antidroga avvenuta un anno e mezzo fa, dove, insieme ai suoi complici, aveva subito un’ordinanza di custodia in carcere.

Il 25enne però, grazie all’aiuto di un connazionale, era riuscito a fuggire venendo però bloccato e arrestato dagli uomini del locale commissariato di polizia nei pressi della zona artigianale dove si trovava nascosto fra la vegetazione.

Il legale del tunisino, l’avvocato Calogero Meli, durante l’udienza ha dunque chiesto di annullare l’ordinanza cautelare emessa un anno e mezzo fa dal gip di Como ritenendo che il quadro indiziario non sia solido.

Di Pietro Geremia

Davide Difazio, giornalista iscritto all’albo nazionale dei giornalisti, elenco pubblicisti Sicilia, dal 09/05/2003 N° di tessera 098283, protagonista di diverse trasmissioni televisive in Rai e Mediaset ha collaborato con diverse testate giornalistiche nazionali ottenendo risultati lusinghieri. Fondatore della testata giornalistica Siciliareporter.com, in pochi anni , è riuscito a far diventare il portale un importante punto di riferimento per l'informazione siciliana.