Grotte, tutto pronto per il “ Il Cinema di Beppe Cino”

Grotte, tutto pronto per il “ Il Cinema di Beppe Cino”

Il Cinema di Beppe Cino” Venerdì 22 novembre avrà inizio la rassegna cinematografica dedicata al regista Bebbe Cino ideata e diretta da Aristotele Cuffaro.

Il cineforum organizzato dall’ associazione teatrale Culturale Nino Martoglio presieduta da Isabella Villani , è patrocinato dal comune di grotte, dalla Fidapa (sezione di Racalmuto) e dalla Proloco “Herbessus”.

I film in programmazione sono tre e saranno proiettati presso il centro polifunzionale San Nicola- Stella Castiglione: -venerdì 22 Novembre ore18.00: “Maria Venera” con Olivia Magnani, Dario Costa e Djoco Rosic; -veberdì29 Novembre ore 18.00: “Diceria dell’ Untore” con Franco Nero, Vanessa Redgrave e Lucrezia Lante della rovere; -venerdì 6 Dicembre ore 18.00: “miracolo a Palermo” con Vincent Schiavelli, Maria Grazia Cucinotta e Tony Sperandeo. A fine rassegna sarà presente il regista che dialogherà con il pubblico in sala.

Biografia del regista Dopo la maturità classica e gli studi di Scienze Politiche e Filosofia presso l’Università La Sapienza di Roma, viene ammesso al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma nel biennio 1970-1971, diplomandosi in regia; alla fine del biennio realizza il saggio La Sicilia é il suo popolo, film che viene distribuito dai circoli Ottobre di Lotta Continua e dalla Comune di Dario Fo.

Partecipa anche al Festival Internazionale del Cinema d’Autore di Sanremo (1972) e alle Giornale del Cinema Libero di Venezia del 1972. Inizia la propria attività come aiuto regista e collaboratore di Roberto Rossellini col film L’età di Cosimo de’ Medici (1972), proseguendo in Cartesius (1973), Rice University (1973), Anno uno (1974), The World Population (1974), Il Messia (1975). Tra la fine degli anni settanta e gli inizi degli anni ottanta è autore di diversi programmi d’inchiesta per la Rai, la Tokyo Broadcastinc System (TBS), la NHK (Japan) e la SudWestFunk della Germania Federale. Nel 1982 scrive e dirige la sua opera prima Il cavaliere, la morte e il diavolo, film di ispirazione espressionista che affronta il tema delle dinamiche trasgressive nel rapporto di coppia. Il film partecipa alla Mostra del Cinema di Venezia nel 1983 (sezione “De Sica”) e viene premiato nel 1985 con la targa di Cinema e Società. Nel 1983 realizza a Baden-Baden, presso gli studi della SudWestFunk in Germania, la riduzione televisiva del dramma Eduard II, di Christopher Marlowe. Nel 1986 scrive e dirige La casa del buon ritorno, un film di genere thriller psicologico.

Il film partecipa alla Mostra del cinema di Venezia e viene premiato nel 1987 al Fantafestival di Roma del 1987. Nel 1987 realizza per la Rai un documentario di cinque puntate dedicato al regista Roberto Rossellini, dal titolo Roberto Rossellini, dieci anni. Sempre nel 1987 scrive e dirige per l’Istituto Luce, il documentario C’era una volta Palermo, con la collaborazione al testo di Gesualdo Bufalino. Nel 1988 scrive e dirige Rosso di sera, ritratto drammatico della generazione del ’68.

Il film riceve nel 1988 il Premio della Stampa Estera nel corso del Festival di Sorrento organizzato da Gian Luigi Rondi. Nel 1989 scrive e dirige per Raiuno una miniserie televisiva dal titolo Gli anni d’oro. Nel 1990 scrive e dirige Diceria dell’untore, liberamente tratto dall’omonimo romanzo di Gesualdo Bufalino. Il film è premiato a Villerupt, vince il Primo Premio al Festival di Porto Alegre. Nel 1991/92 scrive e dirige uno dei pochi film italiani sul post-comunismo, In viaggio verso l’Est, ambientato in Bulgaria. In tv dirige nel 1995 la fiction per Mediaset La signora della città. Nel 1996 dirige La villa dei Misteri. Nel 1997, nel ventennale della morte di Roberto Rossellini, scrive e dirige per RaiTre il film/documento Roberto Rossellini, il mestiere di uomo.

Nel 2004 scrive e dirige il film Miracolo a Palermo!, che affronta il tema della mafia attraverso una cifra espressiva di tipo favolistico. Il film è stato presentato nel giugno 2004 fuori concorso al Taormina Film Festival ed è stato distribuito in Francia nell’ottobre 2005. Fra il 2007 e il 2008 scrive e dirige Quell’estate felice, liberamente tratto dal romanzo Argo il cieco di Gesualdo Bufalino.Giardini.

Ti potrebbe interessare anche  Palermo, ragazza di 23 anni scomparsa da oltre una settimana: l'appello dei parenti

Condividi su...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.