Ravanusa, tiro con l’arco: Gaya Tricoli, Claudio Mario Tricoli e Riccardo Nigro sono i nuovi Guerrieri Ravim

3.450 visualizzazioni

Ravanusa, tiro con l’arco: Gaya Tricoli, Claudio Mario Tricoli e Riccardo Nigro sono i nuovi Guerrieri Ravim

Un successo annunciato per la “Giornata della Freccia”, due giornate medievali alla riscoperta della Storia, delle Arti e dei Mestieri, con l’obiettivo di far conoscere e tramandare la storia e le tradizioni

legate al territorio del Monte Saraceno, valorizzare il Museo Archeologico “Salvatore Lauricella”, il Museo di Storia Naturale del “Fondo Sillitti”, il Santuario di Maria SS. dell‘Assunta e nello stesso un richiamo da tutta Italia di Arcieri che, con le loro famiglie, hanno portato una boccata di ossigeno alle strutture ricettive, artigianali e commerciali del paese.

Un evento, dopo il successo dell’anno precedente con il torneo nazionale, divenuto quest’anno tappa siciliana valida per il Campionato Nazionale LAM 2018 della Lega Arcieri Medievali di Tiro con Arco Storico e Medievale.

Un occasione unica confermata anche dalla presenza onoraria del Presidente Nazionale LAM Carlos Alberto Owen, accompagnato dal Consigliere Nazionale Maestro d’Arco Giuseppe Polizzotto (di Enna),

dal Consigliere Nazionale Maestro d’Arco Pierluigi Gallo(di Padova), e, per gli Arcieri della Fortezza del Monte Saraceno, dal Presidente e Responsabile della sezione Armi Maestro d’Arco Pietro Nigro, dalCo-Responsabile della sezione Armi Antonino Sutera Sardoe quale relatore d’eccezione il Direttore del Centro ACAMS Maestro Andrea Tricoli che, presso la Biblioteca Comunale “G. Zagarrio” aperta grazie alla presenza del Sig, Calogero Sanfilippo, su incarico coordinato dalla Direttrice Dott.ssa Lina Russo, hanno incontrato i Responsabili di Compagnia della Sicilia, i Maestri d’Arco e tutti gli Arcieri intervenuti per il convegno da varie parti dell’Italia, toccando temi come la fondamentale conoscenza e funzionalità del regolamento LAM, la formazione continua dei Maestri d’Arco, la sicurezza durante tutte le fasi (allenamenti, tornei, campionati, ecc.), l’importanza della formazione cadenzale di tutti gli arcieri e altro ancora.

A conclusione del convegno con la consegna da parte del Presidente Owen di una speciale medaglia a consiglieri e organizzatori, e dopo aver effettuato il giro di ricognizione e ispezione, per la regolarità delle piazzole di tiro previste, anche questo spunto di momenti formativi, Presidente, Consiglieri, Maestri d’Arco, Arcieri e Accompagnatori hanno concluso la serata con il conviviale “Arcieri in Amicizia”, con la degustazione di manicaretti d’arte culinaria di tipica tradizione siciliana accompagnati da buon vino locale, all’interno dellacorte-giardino Sillittia cura dell’Associazione La Trinacria per cui era presente il Presidente Gaetano Giannonee il proprietario Ignazio Sillitti.

Ispirato dal racconto, tra storia e immaginazione, de “L’Antica Leggenda dei Guerrieri Ravim” scritto dal Maestro Andrea Tricoli (di prossima pubblicazione), che, prima dell’arrivo dei Normanni, narra di una tribù (araba) insediata sul Monte Saraceno dove, più volte l’anno, i saggi venivano chiamati a scegliere i guerrieri e gli arcieri migliori, tra coloro che sfidandosi avessero superato le varie prove di abilità e precisione, per essere messi con “Onore e Rispetto” a guardia di Ravim o Rahim che dall’arabo significa appunto Fortezza, l’evento è stato

organizzato dagliArcieri della Fortezza del Monte Saraceno, quale sezione Armi con Arco dei Guerrieri Ravim, daiTamburi e Bandiere Gruppo Folk del Monte Saraceno, dallaLAMLega Arcieri Medievali, dalCentro Musicale e d’Arte & Musicoterapia CR&A “Abile Anch’ioe dall’associazioneLa Trinacria, con il patrocinio delComune di Ravanusa(di cui è SindacoCarmelo D’Angelo), il patrocinio delle tre divisioni dell’ACAMSin modo particolare della sezioneSport e Ginnastica Artistica(iscritta al CONI tramite l’Unione Sportiva Acli), il patrocinio del Centro Ortopedico Sutera, le giuste autorizzazioni, il benestare e il supporto delComandante della Polizia Municipale di Ravanusa Dott. Renato Raia, delComandante della Stazione dei Carabinieridi RavanusaLuogotenente Salvatore Turturiciche ha svolto un’eccezionale coordinamento della sicurezza durante tutte le fasi del campionato.

Campionato che ha visto la partecipazione di oltre 100 tra arcieri medievali e accompagnatori tra cui gli Arcieri della Fortezza del Monte Saraceno(Ravanusa), gliArcieri Medievali Aesis(Jesi), gliArcieri di Ventura(Enna), gliArcieri Escalibur Este(Padova), gliArcieri della Valle(Montedoro), gliArcieri di Xibet(Calascibetta), gliArcieri del Castillo de Terranovas(Gela), gliArcieri del Circolo Culturale Janus(Capizzi), gliArcieri di Angelo – Amalac(Montalbano di Elicona), gliArcieri e Balestrieri del Castello(Enna), gliArcieri S. Marco(San Marco d’Alunzio), gliArcieri del Gruppo Storico Medievale(Enna) gliArcieri Arco Sublimis(Randazzo),gli Arcieri di Racì(S. Stefano di Camastra).

In molti hanno effettuando il cambio abiti nelle due sale messe a disposizione daMichele Minacorititolare delBar Mokache dell’AgriPub, per essere poi accolti in piazza XXV Aprile, con abbondante colazione con oltre 150 cornetti artigianali ripieni con crema e cioccolato accuratamente preparati dai pasticcieri delBar Italia fratelli Angelo e Giuseppe Brancato, oltre a succhi di frutta, frutta fresca, marmellate biologiche e acqua fresca, tutto offerto dal gruppo Arcieri della Fortezza lasciando il gazebo colazione ad uso e disposizione di tutti per l’intera durata del campionato inoltre l’organizzazione ha predisposto adiacente la piazza bagni chimici gratuiti per tutti.

Dopo i saluti di benvenuto del Direttore Maestro Andrea Tricoli e del Presidente e Responsabile della sezione armi Pietro Nigro,Padre Maggiolino Capobianco(parroco della Parrocchia San Giuseppe) ha benedetto il Presidente Nazionale LAM Carlos Alberto Owen e tutti gli arcieri presenti. Successivamente i maestri d’arco, uno dopo l’altro, hanno chiamato gli arcieri per formare le pattuglie, verificare la loro regolarità (tesserino LAM aggiornato 2018, abbigliamento, arco e frecce) e annotare il numero, in caso di emergenza, per contattare la postazione presente per l’evento quale servizio di soccorso e ambulanza dell’associazione ARSOSS,di cui è Presidente Giuseppe Mancuso, presente per l’occasione insieme al volontarioProf. Giuseppe Burgio, solo allora si è dato inizio al campionato.

Il Campionato si è svolto predisponendo 6 pattuglie dislocate nelle 12 piazzole previste a cerchio chiuso (accuratamente scelte per sicurezza a persone e cose) disposte nella maggior parte all’interno di cortili tranne due piazzole volutamente disposte una all’interno del locale all’apertoBlanco Lounge Gardene una in piazza XXV Aprile, accuratamente transennata (con transenne assicurate tra loro da filo metallico così da impedirne rimozioni o spostamenti), per farne godere a tutta la cittadinanza, turisti e passanti, con varchi controllati da corpi speciali addetti al controllo e alla sicurezza.

I bersagli, nella maggior parte con le zone a punti circoscritte da filo metallico, forniti di uno o più pannelli (in poristilene rivestito) tali da arrestare le eventuali frecce non andate a segno evitando cosi sia di romperle che di oltrepassare il bersaglio, raffiguranti figure rappresentative del periodo medievale e copie dei reperti degli scavi archeologici del Monte Saraceno (torri, satiro, gorgoneon, occhio, guerriero, cinghiale, lepre, gradoni, trischele,

pendolo, corda, opposti), previsti di una leggenda collocata adiacente alle zone di tiro, su come effettuare sia il tiro che ottenere il relativo punteggio, oltre ad una leggenda aggiuntiva posizionata dietro il pannello-bersaglio in caso di smarrimento della prima, sono stati realizzati, dal gruppo Arcieri della Fortezza del Monte Saraceno e precisamente dalMaestro d’Arco Andrea Tricoli, dalMaestro d’Arco Pietro Nigroe dagli arcieriAntonino Sutera Sardo,Edy Tricoli,Elodia Pitrola,Giusi Gambino,Gaya Tricoli,Giuseppe Brancato,Claudio Mario TricolieRiccardo Nigro, anche grazie al continuo supporto tecnico diMastro Dino Tedescoe per alcuni anche dallaPoliart3D.

Ogni piazzola, in previsione anche della bella ma calda mattinata preannunciata dai meteo, è stata predisposta di una zona ristoro con bottigliette d’acqua monouso da mezzo litro e sacco per l’immondizia, per un complessivo di 300 bottigliette d’acqua (acquistate dall’organizzazione) messe prima a refrigerare daGiorgio Milazzotitolare delBar Saracenoe distribuite poi fresche a tutti gli arcieri gratuitamente per tutta la durata del campionato tramite l’artista Michael Mosa.

A conclusione del campionato tutte le pattuglie si sono riunite per il pranzo all’interno della corte-giardino Sillitti (un pranzo abbondante composto da antipasti, primo, secondo, cannolo siciliano e caffè) servito dall’associazione La Trinacria che per la calda giornata ha incrementato in maniera esponenziale le quantità di acqua fresca. Dopo la pausa pranzo tutti gli arcieri in corteo hanno raggiunto piazza XXV Aprile per l’unico spareggio tra Silvia Pirrotti e Mangione Laura (spareggio vinto poi da Silvia Pirrotti) e passare poi alle premiazioni sul bellissimo podio (realizzato dallaFalegnameria Di Rosa & Agenzia San Vito).

Gli Arcieri della Fortezza, vista l’unicità dell’evento con la presenza straordinaria di molte cariche LAM, hanno colto l’occasione premiando con orgoglio i vincitori con un attestato realizzato (dallaTipolitografia Casuccio) su tela con relativa categoria e piazzamento firmato direttamente a vista dal Presidente Nazionale Carlos Alberto Owen quale più alta carica della LAM e dai due Consiglieri Nazionali Giuseppe Polizzotto e Pierluigi Gallo; tutti gli Under 10 oltre la tela hanno ricevuto una medaglia raffigurante l’emblema del gruppo Arcieri della Fortezza del Monte Saraceno.

Gli organizzatori hanno voluto omaggiare di un tela a ricordo anche il Presidente Nazionale Owen, i Consiglieri Nazionali Polizzotto e Gallo, il Sindaco di Ravanusa e Mastro Dino Tedesco.
Infine sono stati assegnati ilPremio Ravim DameaIraci Fuintino Maria Giuseppae ilPremio Ravim MesseriaD’Amico Santorealizzati dall’artista Rocco Carlisi,mentre saranno premiati e prossimamente nominatiGUERRIERI RAVIMgli ARCIERI della FORTEZZA del Monte Saraceno, già campioni regionali e nazionali, che sono arrivati primi in questa tappa di Campionato Nazionale:
Nigro Riccardo Davide Karolgiunto 1° nella Categoria Under 10,
Tricoli Claudio Mariogiunto 1° nella Categoria Under 14 e
Tricoli Gaya giunta 1° nellaCategoria UNDER 17 Arco Storico.

Ecco i nomi nelle varie categorie di tutti i vincitori del Campionato LAM 2018 “Giornata della Freccia”:
Categoria UNDER 10

1° Nigro Riccardo Davide Karol(Ravanusa – ARCIERI della FORTEZZA del Monte Saraceno);
2° Marzo Sara(Montalbano Elicona – ARCIERI di ANGELO – AMALAC);
3° Pavone Riccardo(Enna – ARCIERI e BALESTRIERI del CASTELLO);
4° Pavone Luana (Enna – ARCIERI e BALESTRIERI del CASTELLO);
5° Iraci Sareri Angela (Capizzi – CIRCOLO CULTURALE JANUS);

Categoria UNDER 14
1° Tricoli Claudio Mario(Ravanusa – ARCIERI della FORTEZZA del Monte Saraceno);
2° Blogna Santosvaldo(San Marco D’Alunzio – ARCIERI SAN MARCO);
3° Scolaro Simone (Montalbano Elicona – ARCIERI di ANGELO – AMALAC);

Categoria UNDER 17 Arco Storico
1° Tricoli Gaya(Ravanusa – ARCIERI della FORTEZZA del Monte Saraceno);
2° Guidotto Simone Pietro(Randazzo – ARCUS SUBLIMIS);

Categoria UNDER 17 ARCO di FOGGIA STORICA con FINESTRA
1°Longi Andrea(Calascibetta – ARCIERI di XIBET);

Categoria UNDER 17 ARCO di FOGGIA STORICA senza FINESTRA
1° Tirendi Mariarita(Randazzo – ARCUS SUBLIMIS);

Categoria DAME ARCO STORICO
1° Libertino Valentina(Enna – GRUPPO STORICO MEDIEVALE);
2° Testa Sarah(Santo Stefano di Camastra – ARCIERI di RACI’);
3° Mangione Maria(Enna – GRUPPO STORICO MEDIEVALE);

Categoria DAME ARCO di FOGGIA STORICA con FINESTRA
1° Casella Antonina(Montalbano Elicona – ARCIERI di ANGELO – AMALAC);
2° Iraci Fuintino Maria Giuseppa(Capizzi – CIRCOLO CULTURALE JANUS);
3° Casella Maria(Montalbano Elicona – ARCIERI di ANGELO – AMALAC);

Categoria DAME ARCO di FOGGIA STORICA senza FINESTRA
1°Mazza Marianna(San Marco D’Alunzio – ARCIERI SAN MARCO);
2° Pirrotti Silvia(Gela – ARCIERI del CASTILLO de Terranovas);
3° Mangione Laura(Calascibetta – ARCIERI di XIBET);

Categoria MESSERI ARCO STORICO
1° Calà Michele(Montedoro – ARCIERI della VALLE);
2° Pisa Antonino(Montedoro – ARCIERI della VALLE);
3° Valera Massimo(Calascibetta – ARCIERI di XIBET);

Categoria MESSERI ARCO di FOGGIA STORICA con FINESTRA
1° Patroniti Roberto(San Marco D’Alunzio – ARCIERI SAN MARCO);
2° Marzo Francesco(Montalbano Elicona – ARCIERI di ANGELO – AMALAC);
3° Ioppolo Andrea(Montalbano Elicona – ARCIERI di ANGELO – AMALAC);

Categoria MESSERI ARCO di FOGGIA STORICA senza FINESTRA
1°Baleno Giuseppe(San Marco D’Alunzio – ARCIERI SAN MARCO);
2° Longi Marco(Calascibetta – ARCIERI di XIBET);
3° Polizzotto Giuseppe(Enna – ARCIERI di VENTURA);

Nelle foto sono visionabili i piazzamenti di tutti gli arcieri partecipanti a Ravanusa al Campionato.
Link ad altre foto https://www.facebook.com/media/set/?set=a.2137426673208475.1073741932.1652503998367414&type=1&l=1880f1c10a

Condividi su...

Un commento su "Ravanusa, tiro con l’arco: Gaya Tricoli, Claudio Mario Tricoli e Riccardo Nigro sono i nuovi Guerrieri Ravim"

  1. JFk Nedie   16 luglio 2018 at 11:08

    Sono contenta che Ravanusa è diventata porto di scambi culturali, sportivi e artistici. I ravanusani ne saranno sicuramente orgogliosi. Il tiro con l’arco è una bellissima disciplina e non mancano a Ravanusa luoghi suggestivi dove poterla svolgere. Una nuova location potrebbe essere il Monte Saraceno, perchè no?

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.